IC MAJANO FORGARIA

E cumò vi conti jo…

In chescj timps di burlaç, o vin imparât a vê a cjâr la ploie: si sin intivâts cuntun “nemì” invisibil e une vore fuart che al à sledrosât il nestri mut di vivi, ancje a scuele. Si sin visâts che i nestris insegnants a àn cambiat il lôr mût di fâ lezion, cirint di no fânus pierdi la voie di imparâ e cjalâ cun curiositât il mont ator di nô. Nus è vignude alore une idee ancje pal furlan: parcè no fâ une rubriche di meti sul sît de nestre scuele li che ducj a puedin gjoldi e cognossi miôr la nestre marilenghe? 

“E cumò vi conti jo…” al è il non che o vin sielt pe nestre rubriche che e vignarà fûr ogni cuindis dîs. Par intant a vignaran publicâts trê incuintris: il prin cul prof. Angelo Floramo che nus tabaiarà di libris, il secont cun Teresa Garzitto che nus splearà lis bielecis dal Ospitâle di San Tomâs e un cun Gianna Juliano che nus learà une novele di Boccaccio intune variante particolâr dal furlan. 

O sperin di podè slargjâ il progjet il prossim an, cjapant dentri ducj chei che a varan voie di colaborâ cun nô. Lis ideis a son tantis: la cusine des nonis, lis jerbis, le musiche, lis tradizions di îr e vuê, … insome o vin tante voie di fâ cognossi a ducj la bielece de nestre tiere in ogni so aspiet ancje cul nestri piçul contribût.

Abbiamo imparato in questi tempi bui ad amare la pioggia: ci siamo scontrati con un “nemico” invisibile e fortissimo che ha scardinato il nostro modo di vivere, anche a scuola. Ci siamo accorti che i nostri insegnanti hanno modificato il loro modo di fare lezione, mettendo tutto se stessi per non farci perdere la voglia di imparare e di guardare con curiosità il mondo che ci circonda. Ci è venuta allora un’idea anche per il friulano: perché non fare una rubrica da pubblicare sul sito del nostro istituto dove tutti possano godere e conoscere meglio la nostra marilenghe?

“E cumò vi conti jo…” è il nome che abbiamo scelto per la nostra rubrica che verrà pubblicata con cadenza quindicinale. Inizieremo con tre incontri: il primo con il prof. Angelo Floramo che ci parlerà di libri, il secondo con Teresa Garzitto che ci illustrerà le bellezze dell’Ospitale di San Tommaso e uno con Gianna Juliano che ci leggerà una novella di Boccaccio utilizzando una variante colorata del friulano. 

Speriamo di poter ampliare il progetto durante il prossimo anno, coinvolgendo tutti coloro che vorranno collaborare con noi. Le idee sono molte: la cucina delle nonne, le erbe officinali, la musica, le tradizioni di ieri e di oggi, … insomma abbiamo il desiderio di far conoscere a tutti la bellezza della nostra terra in ogni suo aspetto, anche con il nostro piccolo contributo.

Prima puntata


Prof. Angelo Floramo

“Il patrimoni di un popul: i libris” 

Seconda puntata 


PARTE 1                                                                    PARTE 2

Teresa Garzitto

“L’Ospital”

Terza puntata 

Prof.essa Gianna Juliano

Novella del Boccaccio

GIORNALINO “Une rêt di amîs” 

n° XI Versione in friulano

n° XI Versione in italiano